Ultim'ora alimentare

Alimenti italiani

Brand più solidi di Tiffany e Cartier
La Camera di Commercio di Monza e Brianza è riuscita a quantificare in modo scientifico quanto il brand dei principali prodottienogastronomici tipici italiani vale effetivamente in termini scientifici: quasi 11 miliardi di Euro ben più dell’equivalente della somma dei brand di Tiffany e Cartier, tanto per citare due tra i più famosi luxury brand di gioielli di fama internazionale.


Sito web USA-UE contro contraffazione e pirataggio

TransAtlantic IPR Portal
Il commercio internazionale di beni contraffatti e piratati è stimato a un valore di 250 miliardi di dollari all'anno.  Per incoraggiare le PMI a metter piede sui mercati stranieri ed evitare i rischi di violazione dei loro diritti di proprietà intellettuale (DPI) gli USA e l'Europa uniscono le forze.


Consumi alimentari:

il bio corre, ma il convenzionale tira il freno
Roma, 10 dicembre 2010. Corrono i consumi bio in Italia nonostante la crisi e l'andamento negativo della domanda di generi alimentari. I primi dieci mesi di quest'anno, secondo il Panel continuativo Ismea/Nielsen, hanno evidenziato un incremento della spesa domestica in prodotti biologici del 12,1% sul pari periodo del 2009, rafforzando il trend positivo degli ultimi due anni (+6,9% nel 2009 , +5,2% nel 2008).


Il Consiglio dell'Unione Europea adotta nuove regole in materia di etichettatura dei prodotti alimentari


Il Consiglio "Occupazione, politica sociale, sanità e consumatori" è giunto oggi ad un accordo politico in prima lettura sul regolamento riguardante le informazioni per i consumatori sugli alimenti (16555/10). Questo nuovo testo legislativo mira a rendere chiare e leggibili le informazioni essenziali sugli alimenti, oltre che funzionali per una scelta dietetica equilibrata.


Bollino rosso per i ristoranti che non rispettano l'igiene

Regno Unito
Promossi e bocciati. Con un'etichetta adesiva verde e nera, bene in vista all'ingresso di ristoranti, bar e supermercati, la  Fsa (l'agenzia britannica per la sicurezza dei cibi e per la nutrizione) ha dato ufficialmente il via ad una larga iniziativa a tutela della salute dei cittadini. Oggetto, il rispetto delle norme igieniche (in particolare per quanto riguarda la preparazione e la conservazione degli alimenti) nei locali pubblici inglesi.


In Italia crescono i consumi responsabili

Sono circa 2,5 milioni i consumatori attenti
Sono circa 2,5 milioni i consumatori italiani attenti ai temi della responsabilità sociale e ambientale e il numero è in crescita. Oltre il 60% è disposto a pagare di più per prodotti rispettosi dell'ambiente e il 51% vorrebbe acquistare prodotti che presentano meno imballaggi, il 65% è contrario all'uso di Ogm e il 39% evita prodotti che vengono trasportati da lontano.


La FAO lancia l'allarme commodity

Nel frumento il gap tra offerta e fabbisogno è di oltre 20 milioni di tonnellate
Pronosticando quest'anno un'emorragia di materie prime di base, in particolari di cereali, la FAO profila scenari difficili per il 2011: le stime parlano di aumenti dell'11% del costo delle importazioni per i paesi a più alto tasso di indigenza e fino al 20% per le nazioni a basso reddito. Su scala mondiale il valore totale delle importazioni alimentari supererà, con ogni probabilità, la soglia dei mille milardi di dollari.


Linee guida per indicazioni sulla salute relative a funzione intestinale e immunitaria

Scambio di vedute tra EFSA e industria
Circa 200 rappresentanti dell’industria alimentare e delle bevande, del mondo accademico, degli Stati membri e della Commissione europea, hanno preso parte a una riunione ad Amsterdam per dibattere assieme agli esperti dell’EFSA i requisiti scientifici per le indicazioni sulla salute relative alla funzione intestinale e immunitaria.


Food Standards Agency

Latte e carne da animali clonati "ipoteticamente sicuri"
Food Standards Agency ha affermato che carni e latte derivati da bovini clonati e dalle loro progenie sono “ipoteticamente” sicuri. A pronunciarsi il 26 novembre è stato il Comitato consultivo sui nuovi alimenti e processi della Fsa, in relazione a quella che è stata citata come una “ipotetica istanza” di approvazione di latte e carni cosi realizzati.


Da oggi l'"Export Helpdesk" è anche in russo

L'obiettivo è di facilitare i rapporti economici tra UE e l'Est Europa
Il lancio dell'Export Helpdesk in lingua russa, avvenuto il 26 novembre 2010,  rappresenta uno strumento per incrementare i rapporti commerciali e la cooperazione tra l'Unione Europea e i sei Paesi del "partenariato orientale" (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldavia e Ucraina). L'Export Helpdesk è un servizio online della Commissione Europea che fornisce informazioni agli operatori economici esterni all'Unione Europea per favorire la loro entrata nel mercato europeo.


Accedi/Login
Newsletter
Questo sito utilizza cookies. Navigando in questo sito, l'utente acconsente all'utilizzo dei cookies secondo queste modalità.